fbpx

Piano di contenuti dei social media: come prendere il controllo

Sei curioso di sapere se la disinformazione e il calo della fiducia degli utenti, rendono i social media uno spazio non sicuro per il tuo marchio? Non sei solo.

I social media possono essere un osso duro. Le regole, le opportunità, il pubblico e le proposte di valore, variano notevolmente da un canale all’altro e possono cambiare marcia senza preavviso.

L’unica cosa per vincere queste preoccupazioni sui social media, è un piano di canale: una direttiva avanzata su come il tuo marchio gestisce i suoi contenuti su queste piattaforme, in continua evoluzione. Spiega anche cosa dovresti (e non dovresti) aspettarti di ottenere.

Pensa alla precisione

Molti marchi presumono erroneamente di dover distribuire contenuti ovunque per massimizzarne la portata. 

Ma intonacare i contenuti del tuo marchio su ogni social network, sito di notizie e piattaforma di video, non è un piano di comunicazione adeguato. 

Non si tiene conto di chi si raggiunge, di come potrebbe essere influenzato o di come tale impatto potrebbe riflettersi sul business.

La tua strategia di content marketing dovrebbe definire la tua strategia di social media marketing. 

Valuta ogni canale social rispetto ai tuoi obiettivi di business e alle esigenze del tuo pubblico. 

Trasforma questa valutazione in un piano attuabile in modo che tutti i membri del tuo team sappiano dove, quando e cosa pubblicare su ciascun canale e quali siano gli sforzi da fare per  raggiungere l’obiettivo.

Ecco come creare e implementare un piano editoriale per il marketing sui social media.

Prendere decisioni informate

Il processo di pianificazione del canale prevede tre passaggi:

(1) Comprendere la proposta di valore della piattaforma
(2) Creare il coinvolgimento del tuo marchio
(3) Garantire che tutti i membri del tuo team lavorino secondo le stesse linee guida. 

Sei pronto? Vediamoli assieme nel dettaglio!

1. Proposte di valore per i canali dei social media

Ogni canale e le preferenze di coinvolgimento della sua community principale svolgono un ruolo importante nel decidere se i tuoi contenuti sono adatti a quel tipo di utenti. 

Il tuo pubblico potrebbe essere aperto a connettersi con il tuo marchio in una chat di Facebook, ma riserva Whatsapp per conversazioni personali.

I contenuti autorevoli di lunga durata potrebbero essere riprodotti bene su Linkedin o Medium, mentre meme e contenuti illustrativi sono più appropriati per piattaforme come Instagram.

È importante familiarizzare con le caratteristiche di ciascun canale e della relativa community prima di partecipare alla conversazione. 

2. Trovare i canali social ideali

Con un breve elenco di potenziali canali nelle mani, mappa le risorse di contenuto esistenti ai loro canali di distribuzione più appropriati. 

Ricorda di considerare le esperienze di contenuto che il pubblico si aspetta, determina se hai le risorse per soddisfare tali aspettative e valuta il potenziale, per fornire risultati di business significativi con i tuoi sforzi.

Capisci che tipo di canale è adatto alla tua attività. 
Una volta che hai capito i social adatti alla tua tipologia di business, bisogna capire come posizionare i tuoi contenuti per costringere il pubblico ad agire.

Noi solitamente ci facciamo queste domande:

Chi usa questo canale e per cosa lo sta usando? 

  • È un canale importante per i nostri personaggi?
  • Come sono le conversazioni qui?

Ci aiuterà a raggiungere i nostri obiettivi? 

  • Perché ha senso per la nostra azienda utilizzare questo canale?
  • Quali obiettivi perseguiremo attraverso le nostre azioni qui?

È in linea con la nostra mission editoriale?

  • I nostri contenuti saranno considerati unici e di valore o la community li troverà invadenti o irrilevanti?
  • I nostri concorrenti hanno stabilito una forte presenza? Potremmo condurre la conversazione sui social media per il nostro settore o la nostra nicchia aziendale?

 Quali risultati vogliamo ottenere? 

  • Cosa dovremmo chiedere di fare a fan e follower dopo aver interagito con i nostri contenuti? Condividilo? Commento? Visita il nostro sito? L’iscrizione alla nostra newsletter?
  • È probabile che la comunità intraprenda un’azione?
  • Abbiamo le metriche, il monitoriaggio e i KPI giusti per quantificare l’aumento dei nostri sforzi sociali e segnalarlo in modo significativo alle parti interessate?

 Quali tipi di contenuti funzionano meglio su questa piattaforma? 

  • I nostri argomenti sono rilevanti per questo pubblico?
  • Abbiamo creato abbastanza contenuti nei formati appropriati per comunicare in modo coerente?

Se le tue risposte non rivelano un’opportunità interessante per interagire su quel canale o se l’ambiente della piattaforma non è adatto alla visione e alla missione dei contenuti unici del tuo marchio, fai un passo indietro e riserva le risorse del tuo team per i canali che si adattano meglio.

3. Standard per le conversazioni del tuo marchio

Sebbene gli obiettivi della tua azienda siano importanti, devi anche stabilire il tono giusto, gli argomenti giusti e le conversazioni giuste, per garantire che il contenuto offra l’esperienza che il tuo pubblico desidera.

Tutti coloro che pubblicano i contenuti del tuo marchio dovrebbero comprendere e allinearsi a una serie di linee guida sui social network per mantenere una voce coerente e standard di qualità.

Considera anche come attirare l’attenzione sui tuoi contenuti sui social media, incluso l’uso di hashtag. 

Prendi nota di argomenti o problemi che il tuo team dovrebbe evitare di discutere sui social media, nonché di eventuali politiche legali o normative che devono seguire. 

Preferenze dei consumatori e le tendenze del pubblico: Ci sono eventi del settore, innovazioni dei media o comportamenti di consumo, in grado di capitalizzare la vostra distribuzione di contenuti (ad esempio,  diretta abitudini di video di consumo, funzionalità del dispositivo-specifici, come memojis, memes popolare)? 

In che modo potrebbero influire sul tono/velocità della vostra distribuzione? 

Ci sono controversie o cambiamenti di algoritmo che potrebbero farti riconsiderare il loro valore per il tuo marchio?

Eventi attuali: gliargomenti di tendenza possono presentare opportunità di distribuzione tempestive. 
Ad esempio, argomenti importanti legati alla cultura come la diversità e l’inclusione , la sensibilità razziale e l’uguaglianza di genere.

Risorse del team: se hai solo uno o due editor che gestiscono il processo di marketing dei tuoi contenuti, la larghezza di banda per una distribuzione coerente e il monitoraggio delle conversazioni potrebbe essere limitata a pochi punti vendita; tuttavia, se disponi di un team completo di scrittori, editori e altri partner di distribuzione a tua disposizione, la manodopera extra, offre maggiore flessibilità e controllo per gestire i contenuti su molti più canali.

Costruisci il tuo piano

Ora che hai le informazioni per determinare dove, quando e come distribuire i tuoi contenuti social, costruire il piano è semplice.

Crea una matrice dei canali che hanno più senso per il tuo marchio e annota le specifiche di coinvolgimento per ciascuno. 

Quando tutti i campi sono stati compilati, hai un modello che può essere facilmente referenziato, aggiornato se necessario e condiviso in tutta la tua organizzazione.

Può essere utile delineare quante più informazioni possibili nel tuo piano iniziale, in modo che il tuo team possa fare riferimento ad esso quando emergono nuove opportunità o deve essere presa una decisione rapida. 

Quella che segue è un’istantanea delle informazioni consigliate per il tuo piano di canale iniziale. 

  • Chi raggiungeremo: le persone  più attive/coinvolte su questo canale
  • Obiettivi/benefici target: cosa realizzerà questo canale; eventuali opportunità uniche che non possono essere raggiunte altrove
  • Argomenti in primo piano: argomenti /conversazioni che potrebbero interessare questa community
  • Velocità ideale: frequenza e post timing su questo canale; quanto tempo dedicare al monitoraggio e al contributo ad altre conversazioni pertinenti
  • Formati: tipi di contenuto che si sono dimostrati di successo o formati emergenti che potrebbero presentare la possibilità di dominare la conversazione in quello spazio sociale
  • Tono e regole di ingaggio:  stile di conversazione e voce; criteri o considerazioni speciali da seguire (ad es. “280 caratteri o meno”, “evitare di abilitare la riproduzione automatica dei video”, “enfatizzare le immagini rispetto al testo”)
  • Risorse del team: Ruolo del responsabile della comunicazione su questo canale; altro personale autorizzato a postare per conto dell’azienda; chi avvisare se sorgono domande o se i problemi si intensificano
  • Invito all’azione: media di proprietà/punto di conversione dove indirizzare il traffico
  • Indicatori chiave di prestazione: metriche per misurare le prestazioni dei contenuti rispetto agli obiettivi

Potresti anche prendere in considerazione di includere:

  • Parole chiave/hashtag target: un elenco delle parole chiave da includere nel contenuto
  • Potenziali partner di distribuzione: influencer, esperti del settore o connessioni di rete che possono aiutare a gestire e ampliare il raggio d’azione sul canale.
  • Opportunità di promozione:  strumenti,  campagne a pagamento e altre opportunità per supportare i contenuti pubblicati.

Rendi il tuo marchio unico sui social media

Non importa quanto in lungo e in largo la tua azienda intenda estendere la sua portata, la distribuzione di successo del content marketing spesso si riduce ad un approccio strategico, sistematico e scalabile.

Questo schema garantisce che tutti lavorino con lo stesso modello di social media, ma non è l’unico modo per portare a termine il lavoro. Facci sapere quali processi utilizzi per determinare dove, quando e come condividi i tuoi contenuti e diffondi l’influenza del tuo marchio.

Author avatar
Mario
https://habgen.it

Posta un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza.